Laureato in Economia e Commercio presso l'Università Cattolica di Milano, dopo il diploma in pianoforte ottenuto a pieni voti si perfeziona in pianoforte, armonia e composizione jazz presso il conservatorio di Milano.

 

Partecipa a numerosi concorsi internazionali d'improvvisazione pianistica con ottimi risultati tra cui il Concorso internazionale “città di Stresa” classificandosi terzo nel 1988 e 1989, primo nel 1992 e secondo nel 1993.

 

Di ritorno da un'esperienza americana durante la quale ha frequentato i corsi di pianoforte e composizione presso la Juilliard School of Music di New York, partecipa a corsi e seminari di armonia e composizione tenuti da Barney Kessel, Lee Konitz, Chick Corea, Ennio Morricone.

 

Si è esibito in importanti rassegne e festival jazz italiani ed esteri tra cui Vienna, Lucerna, Lugano, Utrecht, Dortmund, Monaco, Mentone, Roma, Sanremo, Milano, Orvieto, Varese, Castellanza, Piacenza, Torino.

 

Incline alla sperimentazione musicale, collabora con molti illustri musicisti tra cui: Bob Mover, John Arnold, Gary Windo, Sheila Jordan, Franco Ambrosetti, Lee Konitz, Bobby Durham, Flavio Boltro, Manu Carré, Tino Tracanna, Franco Cerri, Enzo Scoppa, Dodo Goja, Giulio Visibelli, Emanuele Cisi, Carlo Atti, Rosario Bonaccorso, Stefano Bagnoli, Marco Conti, Luciano Zadro, Attilio Zanchi, Marco Ricci, Gianni Cazzola, Rita Sannia, Tony Arco, Mauro Battisti, Andrea Dulbecco, Bebo Ferra, Paolino dalla Porta, Giovanni Falzone, Marco Vaggi, Marco Micheli, Maxx Furian, Massimo Morriconi.

 

Il suo impegno nella composizione e nell’arrangiamento lo porta alla realizzazione, nel 2004, del CD, “Over and Out” per Splasc(h) Records con l'Alessandro Carabelli Group composto da Luciano Zadro, Diego Mascherpa, Marco Conti, Stefano Bagnoli e la partecipazione di Max de Aloe.

Nel settembre 2006 pubblica "Aphrodite" per la prestigiosa casa discografica tedesca Nagel Heyer Records sempre con l'Alessandro Carabelli Group e con la presenza di Franco Ambrosetti. Questo lavoro è stato considerato tra i migliori cd jazz dell’anno 2006 dal referendum realizzato dalla Radio Nazionale Canadese e da testate del settore.

Nel 2017 sempre per la Nagel Heyer Records pubblica il suo terzo CD “Indaco” con l'Alessandro Carabelli Music Ensemble composto da Tino Tracanna, Luciano Zadro, Marco Conti, Maxx Furian e la presenza di Flavio Boltro.

 

Affianca all'attività di musicista e compositore, quella di docente di pianoforte, armonia, composizione jazz e musica d’insieme.

 

Dal 2002 è redattore e critico musicale per diverse testate giornalistiche nazionali tra cui Jazzit, Musica Jazz e Jazzitalia e per la Radio della Svizzera Italiana LA2 ha condotto interviste per lo Spazio OSI.

 

In qualità di direttore artistico ha curato numerose rassegne tra cui Ispra Jazz Festival 1989, Festival al Mai Intees des Chateaux Collection nel 2010/2011, Moon Jazz Festival dal 2011 al 2013.

 

E’ co-ideatore e responsabile del settore musica nel progetto “Crossroads in Arts, Music and Science”, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia e la Fondazione Cariplo.

L’idea di questo pioneristico progetto nasce dall’esperienza accumulata nella divulgazione culturale di approccio scientifico unito alla volontà di creare sinergie artistico - musicali - scientifiche che possano essere utilizzate come strumento di comunicazione. L’estrinsecazione di un linguaggio universale che accomuna questi apparentemente distanti universi permette di comprendere e capire quale sia questa forma di comunicazione e soprattutto quanto questa sia importante.

 

Dal 2016 al 2017 con “Crossroads in Arts, Music and Science” ha tenuto a Milano numerose master class e workshops presso istituti scolastici superiori, il Politecnico di Milano ed il Teatro Elfo.

 

Nel 2016 partecipa in veste di relatore al Talloires Symposium organizzato dalla Tufts University di Boston presentando "Music in Science and Medical Cares”.

 

Nel 2017 partecipa al Festival Internazionale della Scienza di Settimo Torinese con il progetto “La voce degli universi invisibili” in collaborazione con l’Università di Torino.

After M.S. in Economics from Cattolica University in Milan, he received a solid musical training, obtaining his Diploma in jazz piano, harmony and composition at the Conservatory of Milan and he attended several seminars and workshops led by international artists and composers, as Ennio Morricone, Lee Konitz, Chick Corea and Barney Kassel.

 

Between 1987 and 1993 he earned important awards in the field of piano improvisation, taking part in international competitions in Stresa (Italy).

 

After an experience in NYC at  Juilliard School of Music, he performed in international concerts and festivals in Europe as in Wien, Luzern, Lugano, Utrecht, Dortmund, Monaco, Menton, Roma, Sanremo, Milano, Orvieto, Varese, Castellanza, Piacenza, Tourin.

 

Collaborations as piano performer with Bob Mover, John Arnold, Gary Windo, Sheila Jordan, Franco Ambrosetti, Lee Konitz, Rosario Bonaccorso, Bobby Durham, Flavio Boltro, Manu Carré, Tino Tracanna, Franco Cerri, Enzo Scoppa, Dodo Goja, Giulio Visibelli, Emanuele Cisi, Carlo Atti, Stefano Bagnoli, Attilio Zanchi, Marco Ricci, Gianni Cazzola, Tony Arco, Mauro Battisti, Andrea Dulbecco, Bebo Ferra, Paolino dalla Porta, Marco Ricci, Giovanni Falzone, Marco Vaggi, Marco Micheli, Lucio Terzano, Maxx Furian, Massimo Morriconi among them.

 

In February 2004 he realized his CD “Over and Out”, with Splasc(h) Records, In September 2006 he realized his CD “Aphrodite” with Nagel Heyer Recods, and was considered among the best jazz CD of the year 2006 by a referendum carried out by the Canadian National Radio and numerous journalists. In March 2017 he realized his CD “Indaco” with Nagel Heyer Records,

 

He is also a piano teacher, art director and editor for several national magazines and he is co-founder and general manager in the project "Crossroads in Arts, Music and Science" in collaboration with the Italian Institute of Technology and the Cariplo Foundation.


Music is your own experience, your own thoughts, your wisdom. 

If you don’t live it, it won’t come out of your horn. 

They teach you there’s a boundary line to music. But, man, there’s no boundary line to art.

                                                                                                                                         Charlie Parker

 painting by  Vav Hakobyan